Imparare l'Italiano Online
English Version
Inglese
Deutsche Version
Tedesco
Version Française
Francese
Giapponese
Giapponese

One World Italiano
Impara l'italiano con noi!

Home
Scuola d'Italiano
Corso di italiano - A
Corso di Italiano - B
Video Corso di Italiano
Corso di Italiano in Italia
Trailer in Italiano
YouTube
Attività per argomento
Verbi italiani
Dettati di italiano
Esercizi di italiano
Comprensione di testi in italiano
Notizie in italiano
Dialoghi in italiano
Grammatica italiana
Vocabolario italiano
Cultura italiana
Proverbi e modi di dire
Chi siamo
Contattaci
Imparare l'Inglese Online
 
 

S'accabadora - Cultura Sarda

Esercizio di abbinamento

La "accabadora", in italiano "colei che finisce", è una figura molto discussa nell'ambito delle tradizioni popolari.

Secondo alcuni antropologi e studiosi di tradizioni popolari, l'accabadora era una donna che, nei piccoli centri di alcune zone della Sardegna (in particolare in Marghine, in Planargia e in Gallura), veniva chiamata dai familiari dei malati terminali per mettere fine alle loro sofferenze.

Sempre secondo gli assertori dell'esistenza dell'accabadora, gli ultimi episodi di questa particolare forma di eutanasia risalirebbero agli anni Cinquanta del secolo scorso.

Secondo la tradizione, l'accabadora arrivava nottetempo nella casa del malato, faceva uscire i familiari, che non potevano assistere al suo rituale, e, tolte o coperte le immagini sacre presenti nella stanza del sofferente, procedeva alla sua uccisione.

Le modalità più probabili, secondo gli studiosi, erano il soffocamento con un cuscino o l'uccisione mediante un colpo di "mazzolu", un bastone in legno di olivastro, dato in fronte.

L'attività dell'accabadora era pienamente accettata dalla società del tempo ed era vista come un atto di pietà verso il malato destinato, diversamente, a lunghe e atroci sofferenze.

Anche le autorità e la Chiesa tolleravano questo fenomeno, seppure in modo tacito, riconoscendone implicitamente l'utilità sociale.

Negli ultimi anni la figura dell'accabadora è stata riportata alla ribalta dal romanzo della scrittrice sarda Michela Murgia "Accabadora" (2009), opera vincitrice del premio Campiello 2010, riaprendo il dibattito sull'esistenza reale di questa figura e, naturalmente, sul delicato tema dell'eutanasia.

 

Abbina gli elementi di destra con quelli di sinistra
Ambito
Malati terminali
Assertori
Nottetempo
Tolleravano
In modo tacito

Vedi anche:

Sagra di sant'Efisio La Sagra di sant'Efisio è la festa più importante di Cagliari e si svolge ogni anno il primo maggio.

Cucina Sarda MENU' DI CAGLIARI


The One World Language Centre

Viale Regina Margherita, 6 (ang. Via Roma) - 09125 Cagliari - Sardinia - ITALY

Tel/Fax (0039) 070 670234 Mobile (0039) 333 4062847 Skype: oneworldcagliari

e-mail: info@oneworlditaliano.com / info@italianincagliari.com

Privacy Policy